SABATO E DOMENICA 15 e 16 SETTEMBRE

Trekking che rappresenta un grande classico dell’alta Val Formazza, valicheremo tre passi sulle Alpi Lepontine tra cui quello del Gries che costitui’ una delle vie più importanti di scambio tra la pianura italiana e la Svizzera centrale. L’itinerario proposto è diviso in due giorni, si pernotterà al Rifugio Maria Luisa, in modo da rendere più agevole la tappa del giorno successivo.

Programma

Sabato: Riale-Rifugio Maria Luisa
Partenza da Riale e su buona sterrata raggiungeremo il Rifugio per la notte.
Tappa della durata di circa 1 ora e trenta, con un dislivello di 400 metri in salita. Cena, pernottamento e colazione presso il Rifugio Maria Luisa.

Ritrovo
Sabato 15 Settembre alle ore 13 presso centro Commerciale “Le Isole” di Gravellona Toce MAPPA, uscita Gravellona della strada E62 del Sempione successivamente trasferimento a Riale con auto proprie, possibilità di car-sharing.

Domenica: Rifugio Maria Luisa- Passo S. Giacomo- Passo Corno- Passo Gries- Riale
Tappa di sconfinamento in Svizzera attraverso il Passo S.Giacomo, valicheremo il Passo Corno e successivamente il Griess con vista vista sulla diga del Griessee e l’omonmo ghiacciaio. Rientro a Riale per la conca del Bettelmatt e la diga di Morasco
Tappa della durata di circa 6 ore con un dislivello di 400 metri in salita e 800 metri in discesa.

Mountain Planet Rifugio-Maria-Luisa
Quota per l’accompagnamento (a persona): 90 Euro.
Spese (a persona): 55 Euro

Iscrizioni: entro 7 giorni dalla partenza fino ad esaurimento posti

Nota: il percorso è per un tratto in territorio svizzero, si raccomanda quindi di portare un documento di identità valido e la tessera sanitaria.

La Guida si riserva la facoltà di cambiare itinerario in base alle condizioni della montagna o alle condizioni psicofisiche dei partecipanti

Abbigliamento e attrezzatura
Sono necessarie scarpe da trekking, abbigliamento comodo (consigliamo di vestirsi a strati: maglietta intima, maglia a maniche lunghe, pile), zaino (attenzione che più è grande e più lo si riempie di cose inutili), giacca impermeabile, guanti e berretto caldi, crema e occhiali da sole, una borraccia (o una bottiglia di plastica) per l’acqua, dei viveri di emergenza (qualche barretta energetica). Inoltre non dimenticate il necessario per l’igiene personale, un asciugamano ed il sacco lenzuolo . Consigliata la pila frontale.