SABATO 30 SETTEMBRE E DOMENICA 1 OTTOBRE 2017

Tra antichi villaggi Walser ed alpeggi dove si produce il famoso Bettelmatt!

Uno splendido trekking attraverso le bellezze di Salecchio e Devero, all’estremo Nord del Piemonte. Cammineremo tra incantevoli laghetti e grandi foreste, antichi villaggi Walser e isolati alpeggi dove si produce il formaggio Bettelmatt, vera eccellenza di questo territorio. Due giorni di cammino tra i caldi colori dell’autunno, per conoscere insieme questi gioielli delle Alpi!

PROGRAMMA

Sabato 30 settembre: meraviglie Walser.

Il primo giorno del nostro trekking sarà dedicato alla salita al Rifugio Zum Gora, a Salecchio superiore (1509 m). Da Fondovalle di Formazza seguiremo la bella mulattiera per Antillone, col suo caratteristico lago. Proseguiremo poi nella faggeta per l’ampia conca di Vova, la splendida Casa Fancoli ed infine Salecchio: vero paradiso di cultura Walser.

Il ritrovo sarà alle 13.45 a Baceno (VB), saliremo quindi in bus a Formazza e poi a piedi al rifugio.

Questa prima tappa ha una durata di circa 2,5 ore, con un dislivello in salta di circa 350 metri e 50 metri in discesa.

Cena, notte e colazione: rifugio Zum Gora, Salecchio superiore.

Domenica 1 ottobre: camminando in paradiso.

La traversata del Passo del Muretto è un itinerario splendido: da Salecchio ci alziamo attraverso foreste di larici e antichi alpeggi fino a raggiungere il Passo (2347 m) e il suo caratteristico muro di difesa. Scendiamo all’Alpe Pojala (la più selvaggia tra le aree di produzione del Bettelmatt), affacciandoci sul Lago di Agaro, bacino idrico che ha sommerso un antico villaggio Walser.

Da qui risaliamo leggermente fino alla Bocchetta di Scarpia (2248 m) per poi scendere ancora all’Alpe Sangiatto: un altro degli alpeggi del Bettelmatt. Ancora una discesa tra i larici ed eccoci nella splendida conca di Devero, dove termina la nostra avventura!

L’ultima tappa ha una durata di circa 6 ore di cammino, con un dislivello in salita di circa 950 m e in discesa di circa 800 m. Da Devero torniamo poi a Baceno con un minibus.

Quota per l’accompagnamento: 75,00 Euro (a persona).

Indicazione di spesa per trasporti e rifugio: 70 Euro (a persona in mezza pensione, bevande escluse).

Iscrizioni: entro il 23 settembre, inviando una mail a info@mountainplanet.net

La Guida si riserva la facoltà di cambiare itinerario in base alle condizioni della montagna o alle condizioni psicofisiche dei partecipanti.

Abbigliamento e attrezzatura

Sono necessari scarponi da trekking (alti alla caviglia), abbigliamento comodo (consigliamo di vestirsi a strati: maglietta intima, maglia a maniche lunghe, pile), zaino (attenzione che più è grande e più lo si riempie di cose inutili), giacca impermeabile, guanti e berretto caldi, crema e occhiali da sole, una borraccia (o una bottiglia di plastica) per l’acqua, il pranzo al sacco per il secondo giorno (eventualmente acquistabile in rifugio) e dei viveri di emergenza (qualche barretta energetica). Inoltre non dimenticate il necessario per l’igiene personale, le ciabatte, un asciugamano ed il sacco lenzuolo (oppure lenzuola e federa). Consigliati i bastoncini telescopici da trekking.

 

Trekking: sette buoni motivi per partire

  • un trekking ti aiuta a ritornare alla natura, liberandoti dallo stress
  • un trekking ti insegna a darti un obiettivo e a raggiungerlo, superando ostacoli e imprevisti
  • un trekking ti insegna a limitare i tuoi bisogni all’essenziale: lo zaino pesa
  • un trekking ti insegna ad apprezzare le cose semplici: il buon cibo, l’acqua fresca, il fuoco alla sera
  • un trekking ti insegna che la lentezza può essere molto meglio della velocità
  • un trekking ti insegna che il silenzio dice molte più cose del rumore
  • un trekking è sempre una grande esperienza di amicizia

 

COME RAGGIUNGERCI

Con l’autostrada A26 fino a Gravellona Toce. Proseguire poi lungo la superstrada del Sempione e, superata Domodossola, uscire in direzione Crodo – Valle Antigorio – Valle Formazza, raggiungendo così Baceno.

Il punto di ritrovo è al parcheggio di piazza Aldo Moro (MAPPA) alle 13.45. Si raccomanda la puntualità: l’autobus di linea non aspetta!